Scopri i nostri ebook gratuiti

Opencrmitalia.com news

Rimani aggiornato su tutte le news del mondo digitale: web marketing, CRM, social network.

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Accesso
    Login Modulo Login

5 trucchi per l'email marketing

Inviato da il in Marketing
  • Dimensione carattere: Maggiore Minore
  • 3 Commenti
  • Iscriviti a questo post
  • Stampa

Un interessante studio di Mapp (da cui sono presi i dati con cui abbiamo elaborato i grafici che seguiranno) ci può aiutare a capire come meglio gestire le nostre campagne di email marketing e in generale le comunicazioni email verso clienti acquisiti e potenziali.

Una premessa rispetto all'utilizzo dell'email e a come coinvolgere i nostri contatti tramite questo strumento:

  • il consumo via smartphone è in continua crescita come pure il fatto di leggere la mail più volte durante la giornata. Le nostre mail dovranno quindi essere necessariamente adatte alla lettura da smartphone (responsive design);
  • segmenti differenti per età mostrano diversi livelli di frequenza desiderata: non possiamo non tenerne conto;
  • I millenials (età tra i 18 e i 34) accettano volentieri l'email marketing, ma alcuni di loro preferiscono altri canali (8,5% social media e 4,5% messaggi di testo), una comunicazione multicanale in questo caso può essere vincente.

Lo studio è stato condotto nell'agosto 2016 su un campione di 1765 consumatori tra i 18 e i 64 anni.

 

1. Come viene controllata l'email?

La prima domanda posta è stata come controllavano l'email. I dati non sorprendono e non sorprende come sia in netta crescita il numero di persone che controllano l'email anche da cellulare (un aumento del 7% rispetto al 2015).

comeleggiemail.png

b2ap3_thumbnail_1408142910_custom_settings.png

Cosa fare: per quanto si facciano sempre più sforzi per rendere leggibili le email da smartphone ancora molti non usano un design completamente responsive (che si adatta perfettamente allo strumento utilizzato per leggere l'email). E' invece fondamentale iniziare ad usare solo template responsive per le nostre email!

 

 

2. Quale device viene più utilizzato per controllare la posta elettronica?

Ogni persona utilizza più strumenti per controllare l'email, ma qual è quello più utilizzato? Il Pc rimane ancora in testa ma il controllo da smartphone anche in questo caso è in netta crescita come strumento principale (+9% rispetto al 2015).

controllo-email-da-smartphone.png

b2ap3_thumbnail_1408142910_custom_settings.png

Cosa fare: utilizzare template responsive avendo particolare attenzione a rendere semplice e positiva l'esperienza dell'utente che utilizza lo smartphone. Usare font e bottoni grandi, evitare troppe colonne, inserire una call to action molto evidente.

 

 

 

3. Frequenza con cui viene controllata l'email

Un'altra domanda importante è ogni quanto viene controllata l'email. Un terzo degli intervistati risponde di leggere l'email continuamente durante tutta la giornata, un'altro terzo tra le 4 e le 10 volte.

frequenza-controllo-email.png

b2ap3_thumbnail_1408142910_custom_settings.png

Cosa fare: il design della mail deve essere adatto alla lettura da diversi device, in quanto l'email potrebbe essere letta in qualunque momento della giornata da qualunque device.

 

 

 

4. Quante newsletter vengono ricevute in media?

Ma da quanti aziende in media un nostro cliente o potenziale riceve email? Un numero elevato, come si deduce dalle risposte al sondaggio. Il 44% da 7 o più brand e il 72 da 4 o più. Le mailbox dei nostri contatti sono spesso molto piene!

 da-quanti-brand-ricevi-email.png

b2ap3_thumbnail_1408142910_custom_settings.png

Cosa fare: inviare contenuti rilevanti e un adeguato design sono necessari affinché i nostri destinatari aprano le email. A questo proposito è necessario sapere bene quali email possono interessare a seconda delle caratteristiche e dei comportamenti dei nostri contatti. E' inutile e dannoso inviare email in modo indifferenziato a tutti. Dopo una o due email non interessanti il contatto non aprirà più le successive email anche se potenzialmente interessanti. Per questo avere come base di partenza per la profilatura un CRM rende decisamente più efficacie il nostro email marketing. 

 

 

5. Ogni quanto i contatti vorrebbero ricevere le email

La frequenza preferita con cui in media i contatti vorrebbero ricevere email è sempre stata e rimane quella settimanale. Si può inoltre notare rispetto agli anni precedenti un calo generale della frequenza desiderata. Ovviamente questo dato può variare molto a seconda del tipo di business.

frequenza-email-da-brand.png

b2ap3_thumbnail_1408142910_custom_settings.png

 Cosa fare: una sempre maggiore segmentazione soprattutto se basata sui comportamenti può aiutarci ad inviare email in modo sempre più corretto.

 

 

 

 

Come fare in pratica

Le tendenze riportate sono in atto da tempo, ma spesso il ritardo delle aziende nel tenerne conto è grave. 

Per aiutare i nostri clienti ad essere sempre in linea con le esigenze attuali del mercato, forniamo soluzioni efficienti per raggiungere i risultati desiderati. Come già detto, poter partire da una base di contatti sul CRM permette una profilatura molto dettagliata, sia basata su caratteristiche del contatto che sui suoi comportamenti. Per chi utilizza le nostre soluzioni CRM poi l'invio di email può avvenire in diversi modi:

  • newsletter direttamente dal CRM con il nostro modulo di email marketing, nel quale è ora disponibile un editor di email template responsive.
  • newsletter da mailchimp o mailup partendo dalle profilature del CRM, grazie ai nostri plugin
  • mail automatiche al cliente a seconda dei diversi comportamenti, con il workflow designer (es. una settimana dopo un acquisto, oppure se è due mesi che non acquista, ecc.)

 

Per maggiori informazioni non esiste a contattarci!

 

 

Vota:

Simone Travaglini è esperto di webmarketing e CRM. Ha conseguito un master in business administration (MBA) presso l'Alma Graduate School di Bologna. E' membro professionista dell'AISM (associazione italiana marketing).

Commenti

  • Ospite
    Lucio B.B. Giovedì, 20 Ottobre 2016

    Complimenti articolo interessante.

  • Ospite
    Aureliano C. Mercoledì, 09 Novembre 2016

    molto interessante. lo utilizzerò nell mie lezioni di marketin all'università.

  • Simone Travaglini
    Simone Travaglini Giovedì, 10 Novembre 2016

    Grazie mille Aureliano,
    siamo felici di fornire informazioni utili e riusabili in diversi contesti! :)

Lascia il tuo commento

Ospite Sabato, 21 Gennaio 2017